La Corte di Cassazione con sentenza 39037 ha condannato a pagare 1.500 euro  un commerciante che conservava le confezioni di bottiglie d’acqua minerale in plastica esponendole al sole all’esterno del proprio negozio. La condanna è scattata infliggendo il reato di pericolo presunto e la violazione si concretizza  anche in assenza di un effettivo accertamento del danno al bene tutelato. Quindi tolleranza zero per chi non rispetta le dovute accortezze, trattando alimenti deteriorabili, mettendo a rischio la salute dei consumatori. Molto importante sottolineare che la violazione scatta a prescindere da un tempo di esposizione prolungato.