Valeria Minutella- 07 Dicembre 2015-

La musica Gospel, termine che in inglese significa God’s Spell – parola di Dio – nasce in America durante il periodo di schiavitù dei troppi Africani costretti a lavorare nei campi e nelle case degli Americani. La musica divenne, per loro, il veicolo attraverso il quale far viaggiare la speranza della liberazione e del riscatto sociale e religioso degli schiavi, attraverso, appunto, le storie bibliche di salvezza. Solitamente, questo stile musicale è in modalità solo/ coro, in cui ad una breve frase canora di un solista, risponde il resto del coro. A Palermo questo genere musicale è rappresentato dal “Gospel Project” che, nato nel 1994, si presenta come un coro interconfessionale. Infatti, diverse sono le nazioni di provenienza dei vari cantanti che in questi anni hanno animato, insieme alle vocalità siciliane, il Gospel Project: Germania, Francia, Austria, Danimarca, Costa D’Avorio, Stati Uniti e Ghana. E differenti sono anche le fedi religiose che hanno convissuto all’interno del coro, in uno spirito in inclusione e condivisione: la Chiesa Cristiana Cattolica, la Chiesa Luterana, quella Valdese ed Evangelica. Con i suoi 42 elementi, di cui 27 solisti, l’intento del Gospel Project è quello di testimoniare e diffondere la “Buona Novella”, con uno spirito di matrice mediterraneo. Importanti e trasversali le manifestazioni a cui il Gospel Project ha partecipato: a Loreto per “i giovani incontrano l’Europa” alla presenza di Papa Giovanni Paolo II e ad un pubblico di cinquecentomila persone, a Milano per il Festival Gospel “Pane per Bethlemme”. Il coro vanta anche collaborazioni importanti nei concerti di Antonello Venditti, Joe Castellano Blues Band e Harriet Lewis e su Canale 5 con i Pooh e Lina Sastri. Inoltre, ha partecipato allo show “Un teatro per le idee”, organizzato dall’associazione Fonopoli di Renato Zero. Il Gospel Project ha ricevuto il Premio “Oscar del Mediterraneo” per la musica Gospel nel 2006. Il coro, diretto dal maestro Pietro Marchese, esegue brani del repertorio Gospel e Spiritual tradizionali e moderni, da Oh Happy Day, a I believe I can fly, passando per Oh Mary don’t you weep. Diversi gli appuntamenti musicali previsti per le festività natalizie del 2015: il 13 dicembre nella Chiesa S. Miniano a Palermo, il 20 dicembre nella Chiesa dei Cappuccini, sempre a Palermo, e il 2 gennaio nella Chiesa Madre di Campobello di Mazara. Il calendario è ancora in aggiornamento e ci si può tenere sempre aggiornati visitando il sito gospelproject.it. Da sottolineare che il coro si esibisce soprattutto in eventi di beneficienza e il ricavato di ogni concerto viene donato ad associazioni che si occupano del sociale, come ad esempio la Tumaini Onlus, attiva in Tanzania.