Salvatore Orefici- 07 Dicembre 2015-

Il “Calcio a 5” nasce in Uruguay dove è conosciuto tradizionalmente col nome di fútbol de salón, calcio da sala.

Nel 1933 infatti, un professore di Montevideo, Juan Carlos Ceriani Gravier, ne studiò la formula e diede così inizio al gioco del calcio all’interno di piccole palestre, giocato sul parquet di basket, sulle piste da hockey. Internazionalmente viene indicato con la parola Futsal, (in Italia anche più semplicemente con “Calcetto”, oggi sostituita con “Calcio a 5”) e molti sono i campionati presenti nel mondo. Anche Palermo possiede la sua squadra: il Palermo Calcio a 5.

Si potrebbe riassumere in tre parole la storia e il leitmotiv del Palermo Calcio a 5, il cui Presidente è Salvo Messeri, fondatore anche della “piccola” società rosanero: Progetto – Nell’ambiente sportivo, soprattutto nel calcio, si fa spesso uso, per la maggior parte in maniera inappropriata, della parola “progetto”. Molte società, nell’arco di 1-2 anni, scompaiono per mancanza di un vero progetto alle spalle, in quanto carenti in programmazione e pianificazione del lavoro. Il Palermo Calcio a 5, invece, è un progetto che coinvolge tanti “azionisti”, gente legata ai colori rosanero che un bel giorno, contattati direttamente dal presidente Messeri, hanno deciso di aiutare la causa Palermo e contribuire economicamente, seppur in minima parte, alla nascita della società palermitana. E’ questo quello che fa del Palermo un progetto unico nel suo stile e genere. Una società nata per “azionariato popolare” che, tuttavia, può contare su una gestione delle risorse oculata e lungimirante; Programmazione – Alla base della programmazione di Messeri c’è la nascita di una vera e propria scuola di calcio a 5, novità assoluta nel panorama “calcettistico” palermitano. Il progetto- Palermo punta infatti sui giovani, ed è per questo che è un progetto che “mira al futuro”. Oltre alla scuola di calcio a 5, il Palermo Calcio a 5 partecipa al campionato “Giovanissimi, Allievi e Juniores”, oltre che alla serie D, categoria nella quale mette in mostra i migliori giovani del settore giovanile. Infine, punta dell’iceberg, la serie C2 di mister Calandra, altro caposaldo del progetto a tinte rosanero. Ultima parola, Palermo – Una città che non aveva una squadra propria come vessillo del Futsal in giro per la Sicilia e l’Italia, dove un progetto serio legato al calcio a 5 non si vedeva da circa 15-20 anni, ha potuto contare sulle idee di uomini che hanno sposato il progetto con tanta voglia di portare in alto il nome del Palermo. Il calcio a 5 a Palermo è quindi rinato e adesso, finalmente, ha un futuro.

I modi per seguire il Palermo Calcio a 5: Sito internet: www. palermocalcioa5.it; Pagina Facebook: ASD Palermo Calcio A5; Canale YouTube: Palermo Calcio A 5.