Aprirà il prossimo 15 gennaio lo sportello per la presentazione delle domande per gli incentivi Resto al Sud, la misura diretta a sostenere la nascita di nuove attività imprenditoriali avviate da giovani nelle regioni del Mezzogiorno tra cui la Sicilia.

Beneficiari :soggetti di età compresa tra i 18 ed i 35 anni, a condizione che:

-siano residenti nelle Regioni coinvolte al momento della presentazione della domanda o vi trasferiscano la residenza entro sessanta giorni dalla comunicazione dell’esito positivo dell’istruttoria, in modo da incoraggiare anche quanti sono attualmente ‘fuori sede’ a tornare al Sud;

-non risultino già beneficiari, nell’ultimo triennio, di ulteriori misure a livello nazionale a favore dell’autoimprenditorialità.

Tipologia dei richiedenti : I soggetti interessati possono essere già costituiti, o costituirsi entro sessanta giorni dalla data di comunicazione dell’esito positivo dell’istruttoria, in forma di impresa individuale oppure di società, incluse le società cooperative.

Settori di attività: I progetti imprenditoriali possono riguardare la produzione di beni nei settori dell’artigianato e dell’industria o la fornitura di servizi, Escluse sono le attività libero professionali e del commercio, ad eccezione della vendita dei beni prodotti nell’attività di impresa.

Spese Ammissibili : le spese per ristrutturazione o manutenzione straordinaria di

beni immobili, per l’acquisto di impianti, macchinari e attrezzature, per programmi informatici e per le principali voci di spesa utili all’avvio dell’attività

L’incentivo prevede un finanziamento fino ad un massimo di 40 mila euro per ciascun richiedente.

Misura dell’incentivo: una quota:

– a fondo perduto del 35 per cento

– prestito a tasso zero per il restante 65 da restituire in 8 anni.

Nel caso in cui l’istanza sia presentata dal più soggetti già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, ivi incluse le società cooperative, l’importo massimo del finanziamento erogabile è pari a 40 mila euro per ciascun socio con tetto massimo ammissibile di 200 mila euro per ogni singolo progetto.

per maggiori info contattare i Nostri Professionisti dello SPORTELLO PRIMO ASCOLTO